3° Incontro: Economia civile ed economia di comunione al Polo Lionello – III incontro Scuola Giovani Imprenditori

Aprile14

3° Incontro: Economia civile ed economia di comunione al Polo Lionello – III incontro Scuola Giovani Imprenditori

2015.04.10-Scuola-CIOFS (7)Riportiamo uno stralcio dell’esperienza di una ragazza che ha partecipato al 3° Incontro: Economia civile ed economia di comunione al Polo Lionello – III incontro Scuola Giovani Imprenditori.

“… Ero già stata a Loppiano quasi 10 anni fa e ancora ricordavo l’aria di serenità e di pace che avevo respirato.

Dopo 10 anni le cose non sono cambiate. Con la scuola per giovani imprenditori del CIOFS di Vittorio Veneto ci siamo accorti che l’umiltà e la semplicità delle persone che ne fanno parte, è sorprendente.
Focus della giornata ovviamente, l’Economia di Comunione, su cui si basa tutta la “filosofia aziendale” 10544364_955222801175124_2362707502809941048_ncome evidenziato dalla presidente della E. di C. S.p.A., dott.ssa Eva Gullo e dal docente della Scuola di Economia Civile (SEC), ing. Alberto Frassineti.
Qui si promuove la cultura del dare, si produce ricchezza a favore di chi è in difficolta.
Non si tratta di filantropia ma di adesione a valori forti e a principi di economia civile dove il fine ultimo è cercare il proprio interesse insieme a quello degli altri.
Si mettono al centro le persone e le relazioni in un processo di comunione e quindi di dono.
Esistono 5.600 soci (imprenditori ma anche operai, pensionati..) e 23 attività che devolvono il 30% dell utile a persone bisognose.
Fantasy, la realtà del Fagotto, Philocafé e Risana sono alcune delle realtà che hanno adottato tale filosofia e che grazie ad essa sono cresciute.
La formazione è una delle tematiche piu forti.
Per questo è nato anche l’istituto universitario SOPHIA (Sapienza).
Interculturale e interdisciplinare, Sophia esce dagli schemi e fa formazione in modo diverso dalle altre università, come evidenziato dal docente belga di sociologia, Callebaut Bernhard. Ci sono ragazzi che provengono da 50 paesi diversi e che vivono e condividono esperienze e stile di vita.
Ma come fanno? Ci si chiede.
Sforzandosi! Sforzandosi di cambiare prospettiva e di credere nel bene comune.”

Lisa Zanette

Print Friendly, PDF & Email
  • Scritto da Aurelia
  • 1 Tags
  • 0 Commenti