A LoppianoLab, la cittadella festeggia i suoi primi 50 anni

Settembre05

A LoppianoLab, la cittadella festeggia i suoi primi 50 anni

I pionieri ricordano che la prima avanguardia arrivò sulle colline del Chianti con una cinquecento. Era la prima domenica d’ottobre 1964 e non c’era praticamente nulla: casolari diroccati e terreni incolti a parte. Oggi, 50 anni dopo, Loppiano è un centro internazionale che ha totalizzato oltre 1.200.000 presenza da tutto il mondo, si sostiene con attività economiche, conta una decina di scuole di formazione alla fraternità per giovani, adulti, famiglie, sacerdoti; ha assistito alla nascita del Polo Lionello Bonfanti che ospita una trentina di aziende che aderiscono al progetto di Economia di Comunione;

ha un santuario intitolato alla Madre di Dio, la Theotokos che fa parte di un Complesso Architettonico con centro congressuale, sale polivalenti e un Istituto Universitario, Sophia.

Loppiano, dunque, si propone come snodo e laboratorio di sperimentazione per l’Italia e il mondo di una socialità che pone al centro l’accoglienza, il dialogo e la valorizzazione dei diversi apporti culturali; quale spazio migliore di LoppianoLab per festeggiare questo cinquantesimo?

L’apertura ufficiale di questo anno di festeggiamenti – con eventi che si snoderanno lungo tutto il 2015 – sarà sabato 4 ottobre 2014, all’Auditorium, a partire dalle ore 19.00 e sarà trasmesso in diretta TV sul canale del digitale terrestre di TV 2000 e in streaming sul sito web di TV 2000 e Loppiano.

Sarà un momento di festa in cui si guarderà alla cittadella da una diversa prospettiva, ovvero dal “mondo verso Loppiano”. Ospiti presenti, testimonianze, collegamenti e brevi clip daranno voce alle storie di fraternità di quanti hanno vissuto o trascorso un periodo a Loppiano e sono poi tornati nei propri Paesi facendosi portatori di questa cultura di fraternità.

A partire dalle 20.00 Loppiano darà quindi il via all’ “Opencity”: una sorta di città a porte aperte che proporrà ai partecipanti e a quanti interverranno i gusti, la musica e la ricchezza delle culture dei 700 abitanti di 60 Paesi del mondo che attualmente risiedono a Loppiano e sono l’anima di questa convivenza sociale.


Visualizza Loppiano.it in una mappa di dimensioni maggiori

Print Friendly, PDF & Email
  • Scritto da Aurelia
  • 1 Tags
  • 0 Commenti