A scuola, s’insegna a pensare?

Dicembre26

A scuola, s’insegna a pensare?

Convegno nazionale per Insegnanti, Educatori, Animatori di Comunità, Genitori, Dirigenti scolastici

“A scuola, s’insegna a pensare?”. La diffusa tendenza a identificare, quasi fossero sinonimi, “pensiero” e “conoscenza” ha portato a non pochi fraintendimenti. E’ convinzione diffusa che “insegnare conoscenze” sia, al tempo stesso, “insegnare a pensare”.  E’ vero che lo studio stimola una certa capacità d’apprendimento, ma non è automatico che esso conduca a sviluppare anche le capacità riflessive. Se “pensare”, nel significato più semplice e autentico, significa “pensare con cura”, “ponderare”, c’è da domandarsi quanto spazio, nella prassi didattica, sia effettivamente riservato a questo importante esercizio. La domanda diventa ancor più urgente se consideriamo il fatto che i nostri giovani oggi si trovano a gestire una così vasta quantità di informazioni che rischia di dominarli. E’ per questo che la capacità di pensare dovrebbe costituire una fondamentale disciplina trasversale e occupare un posto centrale nell’insegnamento. Saper pensare è importante per operare scelte e prendere decisioni, per risolvere problemi. Si tratta di un problema di enorme importanza, interdipendente con uno spesso più cruciale, che riguarda le questioni etiche, di scelta, di utilizzazione e gestione delle conoscenze. Molti nostri successi, in campo cognitivo, affettivo e sociale, dipendono da questa capacità. Il Corso, in forma laboratoriale, diretto da riconosciuti Esperti nazionali e internazionali nel campo, intende presentare a Docenti, Dirigenti ed Educatori le basi per l’acquisizione di strategie-base di sviluppo del pensiero percettivo, metacognitivo e creativo.

Programma

Sabato 9 Febbraio 2013

09.15 – 09.45 Accettazione- Iscrizioni, Presentazione del Seminario;

10.00 – 11.30 Imparare a pensare: una disciplina trasversale Il Metodo Thinking (prof. Michele De Beni); Per esperienza diretta sappiamo che il “come” è spesso più importante del “cosa” e che a scuola il processo d’apprendimento è determinante per la comprensione dei contenuti.   Obiettivo di questa prima sezione è metter fuoco l’importanza dei processi e delle strategie di pensiero, introducendo alcuni elementi-base per il curricolo scolastico, a più livelli e in diversi contesti culturali.

11.30 – 11.45 Coffe-break;

11.45 – 13.00 Laboratorio e verifica di gruppo;

13.15 – 14.30 Pranzo;

14.30 – 17.30 Sviluppare la mente operativa Mindshigt(dott. Rudy Magnan); La capacità di capire il lavoro della propria mente è simile aIt is a powerful lens through which we can understand our inner lives with more clarity, integrate the brain, and enhance our relationships with others. una potente lente attraverso la quale possiamo rappresentarci come essa sta costruendo immagini e significati. E’ una sorta di attenzione focalizzata, che ci aiuta a scendere dal pilota automatico di comportamenti radicati e risposte abituali, e aIt lets us “name and tame” the emotions we are experiencing, rather than being overwhelmed by them. concentrarci su come sviluppare strategie per nuovi modelli di comprensione e ad elevare la nostra intelligenza operativa;

17.30 – 17.45 Coffe-break;

17.45 – 19.15 Laboratorio e verifica di gruppo;

19.15 – 20.30 Cena.

Domenica 10 Febbraio 2013

9.00 – 11.00 Creatività e didatticaIl Creativ Learning Method  (dott. Giulio Carpi); L’obiettivo dell’intervento è quello di presentare il CLM (Creativ Learning Method), un progetto d’insegnamento a più livelli e di esplorare il sistema formativo con tutti i suoi  elementi concreti di insegnamento, che danno vita a percorsi in grado di accendere la mente dei ragazzi e motivarli a un  apprendimento creativo ed intenzionale. Il CLM si basa sull’idea che la creatività debba permeare il pensiero in ogni azione, valutazione, relazione e decisione, a livello sia teorico sia pratico, cognitivo sociale e morale.

11.00 – 11.15 Coffe-break;

11.15 – 13.00 Laboratorio e verifica di gruppo;

13.15 – 14.30 Pranzo;

14.30 – 16.00 Schemi concettuali a confronto.

Relatori:         

prof. Michele De Beni (pedagogista, psicologo, referente italiano del progetto internazionale di ricerca “Cognitive Research Trust”, Verona);

– dott. Rudy Magnan (esperto nello sviluppo del Pensiero Creativo, direttore del progetto “Mindsight”, New York);

– dott.Giulio Carpi (pedagogista, presidente di Creativ, coordinatore europeo del “Creative Learning Method” e dell’Istituto Europeo della Creatività, Reggio Emilia).

Per l’iscrizione

Per l’iscrizione compilare l’allegata scheda di Prenotazione da inviare via fax al n. 055 8330444 oppure a indirizzo e-mail: info@edicspa.com

Per approfondimenti       www.metodoclm.eu  

* Corso organizzatoda Creativ- Ente accreditato dal Ministero Istruzione Università e Ricerca  per la formazione del personale della scuola Creativ

Print Friendly, PDF & Email
  • Scritto da Aurelia
  • 1 Tags
  • 0 Commenti

CATEGORIE Eventi