Autumnia 2015 Sul modo in cui stiamo costruendo il futuro del pianeta

Novembre05

Autumnia 2015 Sul modo in cui stiamo costruendo il futuro del pianeta

Vino-2015Per un dialogo interdisciplinare verso “un’altra modalità di progresso e di sviluppo”

Qual è il contributo dell’Enciclica Laudato Sì di Papa Francesco alle comunità e ai territori e nello specifico al nostro Valdarno Fiorentino? E’ questo il senso dei due appuntamenti di venerdì 6 e sabato 7 novembre prossimi, all’interno di Autumnia 2015. “Appuntamenti diversi tra loro – spiega Marco Cardi del Servizio di Pastorale Sociale del Lavoro della Diocesi di Fiesole, promotrice degli eventi assieme a Polo Lionello Bonfanti e Istituto Universitario Sophia (Loppiano – FI)  –  ma strettamente connessi, perché contribuiscono ad una riflessione cristiana sulle risorse della terra”.

“Il vino che allieta il cuore dell’uomo” –venerdì 6 novembre 2015, ore 21.00, presso il Circolo Fanin a Figline V.no.

Presentazione del volume e dialogo con l’autore Mons. Mario Meini. “Sarà una riflessione sul ruolo del vino nella Bibbia come risorsa e sarei contento se queste pagine venissero sentite come un segno di attenzione alla nostra terra”, afferma il Vescovo di Fiesole che sarà affiancato da Steve Agnoletti, sommelier AIS Toscana, che spiega che la serata vuol essere anche un’esperienza sensoriale a tutto tondo: “Saranno tre vini a puntualizzare il percorso proposto dal Vescovo, scelti tra le eccellenze che il territorio valdarnese oggi presenta, prodotti da aziende che rappresentano qualità riconosciuta e sensibilità ai temi trattati. Un viaggio rivolto alla piacevolezza del condividere l’essere cristiani”.

Riflessioni a partire dall’enciclica “Laudato Sì” – 7 novembre 2015, ore 9.30 (Burchio, Polo Lionello Bonfanti).

A partire dalle riflessioni del teologo Piero Coda, dell’economista Luigino Bruni e del Vescovo di Grosseto, Mons. Rodolfo Cetoloni, verrà proposta una lettura dell’Enciclica Laudato Sì che sia di stimolo personale e comunitario ad agire per la salvaguardia, la cura e la valorizzazione di questo nostro pianeta.

Molti gli stimoli in campo: dalla sfida culturale, spirituale ed educativa, come sottolinea Mons. Coda, preside IUS: “Occorre un progetto di un’ecologia integrale, capace d’intessere un rapporto libero e liberante con Dio, con sé, con gli altri, con la natura”. C’è poi l’esigenza impellente di un necessario cambiamento sociale e di ritrovare quella libertà – afferma l’economista Bruni – che nasce da chi ha il solo interesse di servire la verità”. Ed il Vescovo di Grosseto ricorda che: “Non ci può essere vera ecologia se non è integrale, se cioè non tiene conto delle persone e tra loro dei più poveri: solo così potremo non andare contro l’uomo”.


Stefania Tanesini

Servizio Informazione Focolari
Centro internazionale Loppiano
50064 Figline e Incisa Valdarno (FI)

M. 338.5658244 – E. sif@loppiano.it – S. stefania.tanesini – W. www.loppiano.it

Print Friendly, PDF & Email
  • Scritto da Aurelia
  • 1 Tags
  • 0 Commenti