Concluso Workshop internazionale YEEE – Youth-worker Exchange on Entrepreneurship Education

Ottobre15

Concluso Workshop internazionale YEEE – Youth-worker Exchange on Entrepreneurship Education

YEEE-1Prendete trentadue ragazzi provenienti da sette diversi Paesi del mondo e tre diversi continenti, portateli in una cittadella internazionale per due settimane, lasciateli studiare e ragionare sulla possibilità di creare imprese vincenti e innovative e lasciate che si confrontino sulle loro diverse culture. Otterrete una bomba di creatività, positività e allegria.

Questo è il progetto YEEE! Youth-worker Exchange on Entrepreneurship Education. Dal 24 settembre al 10 ottobre appena trascorsi la cittadella internazionale di Loppiano ha ospitato questo innovativo percorso inserito all’interno dei progetti Erasmus+ dell’Unione Europea e organizzato da otto partner con sede in diverse zone del mondo: Soco Investment Gruppo Giovani, il Kenya; SUMA Fraternidad, Argentina; Filo artigianato di Oro, Filippine; Associação Nacional por uma Economia de comunhão, Brasile; E. di C. Spa, Italia; Sunmill, Bulgaria; Udruga ZA ekonomiju zajednistva, Croazia; Starkmacher e.V., Germania.

YEEE-2L’idea imprenditoriale di ciascuno dei ragazzi in questi giorni si è modificata, trasformata, ha preso vita. Il programma, strutturato in sei differenti percorsi, ha consentito a ciascuno di ragionare non solo sulla possibilità di creare un business, ma anche di riflettere su se stessi, sulle proprie capacità, sui propri sogni.

Comunicazione, efficacia dei messaggi, divergenze e similitudini tra le diverse culture, lavoro di gruppo, idea di business, marketing, relazione con i clienti, pubblicizzazione del proprio prodotto, risorse personali, punti di forza individuali, obiettivi e ostacoli da superare per realizzarsi. Sono questi gli argomenti affrontati dai ragazzi nei quindici giorni di studio.

Oltre ad un’importante formazione sulla creazione di un business e su come metterne a frutto le potenzialità nel proprio territorio, i ragazzi hanno portato con sé in eredità un nuovo splendido gruppo di amici e un groviglio di relazioni interculturali, in grado di spalancare cuore e mente.

In un mondo dove le sfide diventano sempre più globali, sempre più grandi e sempre più interculturali è necessario portare a meta esperimenti in grado di fare la differenza, di lanciare verso nuovi orizzonti e di far sentire l’umanità sempre più vicina e preziosa.

di Noemi Pintus

Print Friendly, PDF & Email
  • Scritto da Aurelia
  • 1 Tags
  • 0 Commenti