Da – 15 a + 35: l’Edc annunciata a tutte le latitudini

Gennaio31

Da – 15 a + 35: l’Edc annunciata a tutte le latitudini

 

120204-05_Faro01_rid

E’ un week end molto particolare quello che stiamo vivendo per l’annuncio di Edc: ieri Economia di Comunione ed il messaggio dei Giovani da San Paolo al Mondo sono stati presentati a New York, all’ONU, nel corso del side event nell’ambito della Conferenza ONU sullo sradicamento della povertà: siamo in attesa di notizie circostanziate dagli USA per aggiornare tutti.

Sempre in queste ore a Douala, in Camerun, primo degli appuntamenti della delegazione Edc con le Università di questo grande paese africano.

Stamattina infine alla Mariapoli Faro (in Croazia) si è aperto l’incontro delle Commissioni Edc allargate di tutta l’Europa Orientale. Il “clima” è senz’altro particolare e in tutti i sensi: a Faro ci si è svegliati sotto una bufera siberiana con vento forte, neve, e – 15 con parecchie volpi che giravano affamate intorno alla Mariapoli. Le persone sono arrivate in auto nonostante tutto da BulgariaAustriaSerbia: gli ultimi alle 4.30 di questa notte: ma le foto ci dicono che nonostante il freddo e la difficoltà per arrivare ne è valsa la pena!

 120204-05_Faro05_Presentazioni_rid

La mattina si è aperta con una presentazione dei presenti, provenienti da Slovacchia, Repubblica, CecaRomania,AustriaSerbiaUngheria, Slovenia, CroaziaBulgaria. Ciascuno ha presentato la propria realtà Edc e le forti attese che nei paesi di origine si avvertono nei confronti di Economia di Comunione, in questa epoca di crisi. In seguito i presenti sono stati aggiornati sull’Assemblea dello scorso maggio in Brasile, con tante belle foto: alcuni dei presenti avevano potuto partecipare e ciascuno ha comunicato a tutti in che modo la propria vita è cambiata dopo quell’evento: uno per tuttiFerenc dall’Ungheria: “i primi vent’anni del EdC non sono stati i miei, ma i prossimi anni sicuramente lo saranno! Vale la pena dedicare la propria vita professionale per una economia di comunione“.

Prende la parola Luigino Bruni che in 5 concetti esprime quella che è la sua speranza di raggiungere l’ardito obbiettivo di arrivare al 2031 con 30.000 aziende Edc: dice Luigino Bruni: Certo, partiamo dalla consapevolezza che siamo pochi, la nostra vulnerabilità è evidente, ma ciònonostante ci sono buoni motivi per credere che ce la possiamo fare.

Primo puntooccorre crederci perché la fede di oggi determina di ciò che accadrà domani. Occorre rinnovare la fede, che non é semplicemente un sogno.

Secondo puntoanche se in piccolo, Edc c’e gia! Anche se solo due-tre aziende, esistono, non è più “utopia”: utopia in greco significa: u- senza, topi-luogo, non-luogo. Se almeno in un luogo esiste una azienda, un polo… anche se in piccolo,  Edc non é piu utopia. Perche il LUOGO c’e.

Terzo puntonon confondere il seme con l’albero. Chiara ci ha fatto intuire una “terza via”, un modo diverso di intendere e vivere l’economia: noi da questo siamo stati affascinati: dall’albero, non dal seme. Quello che affascina é l’albero, una economia nuova.

120204-05_Faro04_Luigino_rid

Quarto puntoil seme deve morire! Se il seme non muore, non porta i frutti. E solo se muore nel modo giusto, carismaticamente, si vedrà l’albero. Quando dall’America vennero importate le patate, chi le seminò per primo si fidò del fatto che quello era un seme buono: solo dopo vide crescere le patate. Noi oggi non vediamo ancora le patate… ma abbiamo creduto. C’e il seme. Nei prossimi anni occorre che nasca il primo germoglio del albero – dalla nostra esperienza: per contribuire realmente a  costruire una economia nuova. E questo va fatto mettendosi a servizio della società civile, essendone il “sale”, il “lievito”, agendo per amore del bene comune, aiutando la nascita di istituzioni nuove, promuovendo dialoghi con tutti perché il mondo unito si fa insieme agli altri.

Infine, quinto puntodobbiamo riuscire a far nascere le vocazioni ad Edc: sono tante le persone in ricerca sincera e noi dobbiamo andare da loro. Abbiamo un grandissimo tesoro e rischiamo di non riuscire a donarlo: ma se le persone non hanno l’orecchio per le cose “spirituali”, hanno invece vocazioni grandissime per questo tipo di economia….Dobbiamo andare annunciare Edc a tutti, e chiedere molto alle persone. Perché le persone in gamba sono attratte da scelte radicali. Se annunciamo cose ardue, troveremo persone radicali e capaci, se annunciamo cose semplici questo genere di persone non sarà con noi.

Nel pomeriggio si sono svolti lavori di gruppo i cui risultati si stanno comunicando in questi minuti in plenaria: tutto, proprio tutto lascia intuire che saranno giorni senz’altro fondativi per Economia di Comunione in questa parte di mondo.

 

Print Friendly, PDF & Email
  • Scritto da Aurelia
  • 1 Tags
  • 0 Commenti

CATEGORIE Altri eventi Notizie