“Entriamo in azienda”: uno stage molto speciale

Dicembre07

“Entriamo in azienda”: uno stage molto speciale

Da questo mese al Polo mi porto via la consapevolezza di cosa significa lavorare, fare dei sacrifici e quindi lottare per ottenere ciò che si vuole. Mi ha anche dato la possibilità di pensare seriamente al mio futuro!” Così scrive Mariangela dopo un mese di stage, quella ragazza che il primo giorno è arrossita semplicemente a dire il proprio nome.

Sono arrivati dalla Sicilia, in 13 e freschi di maturità,  in un momento particolaree intenso al Polo Lionello: era in preparazione la seconda edizione di Loppianolab. Si sono ritrovati ad accogliere persone e personalità, a piegare migliaia di cartelline, a fare concretamente le hostess nelle sale: questo il loro primo approccio col mondo del lavoro. Fino alla settimana precedente non sapevano neppure dell’esistenza del Polo, non conoscevano il progetto di economia di comunione, eppure ne sono rimasti subito affascinati.

Ogni lavoro è importante è stato questo il motto che hanno vissuto, soprattutto la seconda settimana quando il programma prevedeva una giornata a vendemmiare, un’altra a impacchettare e poi a etichettare prodotti.

La visita all’Istituto Universitario Sophia, l’incontro con Valerio Ciprì (Lode) del Gen Rosso, il lavoro fianco a fianco con alcuni imprenditori e professionisti, sono stati la ricetta che ha fatto dire a Andrea “Ero uno scansafatiche, odiavo il lavoro e adesso mi piace lavorare” lui che ha pure imparato a fare i caffè al bar!

Non so cosa riserverà loro il futuro ma ho visto in questi ragazzi quello che ha espresso Greta “il passaggio da essere piccolo a imparare a camminare da solo“. E Laura che l’ultimo giorno si commuove dicendo “io prima di venire qua avevo stabilito di non andare all’università, ma di accontentarmi trovandomi qualche lavoretto. Poi ho ascoltato i convegni: ho ascoltato persone importanti e anch’io ho sentito di voler diventare qualcuno e che ho qualcosa da dire: ho 19 anni, perché mi devo precludere una strada? Io voglio studiare e realizzarmi professionalmente“.

Il Polo, con i suoi protagonisti, anche nella quotidianità, ha cooperato alla realizzazione di uno degli scopi dell’economia di comunione: formare uomini nuovi!

Riportiamo alcune riflessioni dei ragazzi, raccolte, una volta tornati a casa, dall’insegnante che ha accompagnato gli studenti per stage al polo:

Gretaquesto stage mi ha fatto capire e toccare con mano un nuovo modo di fare impresa, trattandosi di una Economia di comunione, che, a differenza  delle altre, fonda il suo essere in una pratica semplice ma importante: ovvero il DARE a chi è in difficoltà, grazie alle aziende di economia di comunione ho capito che tra gli imprenditori non esiste  egoismo e rivalità. L’economia può essere un mezzo forte,  se ben usato, verso chi è meno fortunato. Tutto quello che circonda l’Edic è solidarietà, amore verso i fratelli. Il suggerimento che vorrei offrire è di farla conoscere  a tutti e far emergere  questo aspetto della fraternità universale. Grazie della opportunità  che mi è stata data.

ElisabettaHo imparato che ogni lavoro è importante, alla Fantasy mi sono trovata benissimo, al di là del lavoro, mi hanno fatto sentire una di loro.
Emanuela: sono riuscita a vincere la mia timidezza, Loppianolab è stata un’esperienza unica e bella perché ho potenziato le mie capacità relazionali e di comunicazione. Ho fatto tutti i lavori, anche l’uncinetto, con diligenza, ringrazio tutte le persone del Polo e la tutor  per avermi aiutata a capire meglio le mie inclinazioni.

Mariangelalo stage mi ha permesso di capire cosa voglio fare dopo il diploma, vorrei lavorare presso uno studio di commercialista e sto pensando di iscrivermi all’università in Economia. Mi sono resa utile durante l’Expò di Loppianolab, sembravamo una squadra. Il titolo “in rete per il bene comune  nel 150° dell’unità d’Italia ” l’abbiamo vissuto in quella settimana e poi dopo.

Alessandraquesto stage al Polo Lionello Bonfanti è stato per me molto interessante, esperienza unica che porterò sempre nel cuore.

Denisegrazie alla disponibilità della tutor e di tutti i dipendenti del Polo Lionello  ho capito cosa voglio fare in futuro. Molto importante è stata l’esperienza di Loppiano lab che mi ha impegnato alla reception. Penso di aver dato il massimo.

Andrealo stage mi ha permesso di completare la mia formazione, la scuola  insegna  nozioni e teoria però non insegna  come comportarsi in un’azienda. Lo stage mi ha fatto capire quanto è importante saper comunicare e interagire  con le persone, essere disponibile a scommettersi con le proprie capacità.

Lauraquesto periodo di 4 settimane mi ha permesso, in particolar modo, di ampliare la mia visione nell’ambito lavorativo e mi ha dato la possibilità di iscrivermi in una facoltà a me congeniale a Firenze, perché nella mia regione non c’è.

Conclude l’insegnante: “Abbiamo convocato a scuola i genitori e gli alunni che hanno fatto lo stage, c’era pure il Preside, per fare un momento di condivisione della bella esperienza vissuta. I ragazzi  sono  tornati a casa veramente arricchiti, sono arrivati nelle loro famiglie raccontando come un fiume in piena della bellissima esperienza.  Tutti concordano nel sostenere di aver vissuto un’esperienza unica, le persone che hanno incontrato  di ogni ordine e grado, anche gli autisti, le guide, sono stati sempre pronti ad ascoltarli, ad orientarli nel bene. I genitori ringraziano tutti voi per aver aiutato i loro figli a farli crescere in un mese più di tanti anni.”

Per saperne di più: La realizzazione di questo Stage è stata possibile grazie ad una serie di felici sinergie: l’I.T.C.S. “G. Arcoleo” di Grammichele (CT) ha indetto un bando sulla base della Circolare straordinaria POR Bando 5683 – 20/04/2011 (FSE) – Programma Operativo Nazionale Annualità 2010-2011 “Competenze per lo sviluppo” 2007-2013 – CON L’EUROPA INVESTIAMO NEL VOSTRO FUTURO Obiettivo C Azione 5, per uno stage formativo rivolto a ragazzi della scuola che hanno conseguito la maturità; l’agenzia Marrikriu ha partecipato ed ha vinto il bando organizzando lo stage in tutti i suoi dettagli: con la redazione dell’offerta logistica era allegato anche il progetto formativo. La E. di C. spa nel periodo ha ospitato 13 ragazzi e due insegnanti con lo stage formativo “Entriamo in azienda – Aziende a movente ideale“, accompagnati da un tutor aziendale (Cecilia Manucci) designato dalla società. L’esperienza di stage è senz’altro replicabile in altre occasioni.

 

 

 

Print Friendly, PDF & Email
  • Scritto da Aurelia
  • 1 Tags
  • 0 Commenti