Gen Verde: una scintilla che accende, contagia, dilaga

gennaio21

Gen Verde: una scintilla che accende, contagia, dilaga

Print Friendly

Il racconto di Alessandra Pasquali, attrice e cantante del gruppo artistico internazionale Gen Verde, in partenza per Panama.

di Maria Gaglione

Tutto al femminile, il Gen Verde è formato da 22 donne di 14 Paesi. Un’esperienza che parte dalla vita quotidiana con l’obiettivo di realizzare la fraternità e favorire il dialogo tra culture diverse. Accoglienza solare, Alessandra ci racconta senza fretta la vita generosa e piena di passione del Gen Verde.

Siamo entusiaste di partecipare alla prossima GMG 2019. Staremo via quasi due mesi. Grazie ai fondi raccolti tramite la campagna di crowdfunding verranno realizzati due Start Now in Panama, a Colón e Chitré. Parteciperemo poi al Festival della Giornata Mondiale della Gioventù a cui siamo state invitate dal Comitato organizzatore. Una bella occasione per ritrovarci e testimoniare insieme la gioia di vivere il Vangelo. A febbraio ci sposteremo in Guatemala, Cuba e San Salvador per alcune tappe del nostro tour From the inside outside.
La vostra presenza alla GMG è molto significativa. Cos’è Start Now? Da qualche anno giriamo l’Italia e il mondo con Start Now, un progetto educativo di 5 giorni organizzato in sessioni di workshop (canto, danza, teatro e percussioni) rivolto a scuole, università, gruppi. I giovani lavorano con noi come co-protagonisti per preparare insieme il concerto finale, condividendo una vera esperienza professionale, in cui sviluppare l’intelligenza culturale, l’educazione globale, la responsabilità sociale. Dunque l’arte per i giovani resta un importante canale per esprimersi? In questi anni abbiamo incontrato migliaia di giovani e siamo sempre sorprese di scoprire i loro talenti, molto spesso nascosti! L’arte, nelle sue diverse espressioni, è lo spazio in cui sperimentare e mettere in gioco conoscenze, talenti, emozioni, fragilità, disagi. “Voi siete responsabili di anime” mi dicevano in accademia. Il Gen Verde utilizza l’arte per veicolare messaggi non scontati, alla ricerca della verità, per costruire un mondo fraterno e per dire ai giovani “non importa chi tu sia o da dove parti”: il dialogo, la pace, l’unità iniziano da te, con te.
E come rispondono i giovani? Start Now può rappresentare un’occasione per maturare una cultura di fraternità, un nuovo modo di rapportarsi con gli altri, basato sulla fiducia, sul dialogo, sul rispetto. Dalle loro parole, trasparenti e appassionate, si percepisce il desiderio di comunicare ad altri l’esperienza vissuta, di contagiarli con la gioia sperimentata, di coinvolgerli nell’impresa di migliorare il mondo lì dove si è. “È importante iniziare da noi, con quel poco che possiamo fare per costruire un mondo migliore”, ci dicono spesso.
Il Gen Verde punta a raggiungere soprattutto paesi che vivono in condizioni di precarietà, incontrando migliaia di giovani. Com’è lavorare con loro? È semplicemente meraviglioso. Certo anche per noi ogni volta è una sfida, non è sempre facile soprattutto il primissimo contatto con i ragazzi. Spesso lavoriamo in zone di periferia dove la povertà ha tante facce. Molti giovani vivono situazioni svantaggiate e di rischio sociale, sono diffidenti e non sempre hanno tempi e spazi adeguati per misurarsi con la bellezza dell’arte. Con noi sono invece incoraggiati a sviluppare i loro talenti e a scoprirne di nuovi, a mettersi in gioco, al lavoro di squadra. Ci lasciamo coinvolgere dalle loro storie, fragilità, sogni. Guardiamo questi giovani, da cui sempre impariamo qualcosa di prezioso anche noi, con tutta l’attenzione che meritano e vediamo in ciascuno di loro un tesoro che brilla. Loro se ne accorgono, abbassano le barriere. Colgono l’autenticità dei nostri rapporti, sentono di non essere giudicati e soprattutto avvertono che il lavoro in cui li coinvolgiamo è impegnativo ma affascinante e concreto.
Qual è la ricchezza del Gen Verde? Siamo abituate a lavorare insieme e la collaborazione tra persone di culture e nazioni diverse porta una grande ricchezza e ci ricorda costantemente che abbiamo bisogno di imparare sempre gli uni dagli altri. Così come la dimensione comunitaria della nostra vita è una forza decisiva per il nostro lavoro, in cui mettiamo con umiltà tutta la professionalità e le competenze di cui siamo capaci. Ma la parte di noi che deve passare e restare per questi giovani è quella profonda, quella che ha scelto Dio. Per noi l’urgenza principale è donare Dio e costruire un mondo fraterno attraverso l’arte e la cultura. Siamo “strumenti” nelle sue mani.
Hai accennato prima che il progetto Start Now è protagonista di una campagna di crowdfunding. Sì, abbiamo raccolto il sostegno di molte persone in tutto il mondo. I principali contributi sono arrivati soprattutto dalle comunità che hanno ospitato Start Now. Il desiderio di diffondere la cultura che sperimentano durante i giorni del progetto innesca diverse iniziative. Mentre a volte abbiamo ricevuto dei contributi semplicemente sorprendenti. Alessandra ripensa e ci racconta un’esperienza fatta al termine di Start Now in un paese della Germania, che ancora la commuove. Eravamo in partenza. Alcuni dei ragazzi che avevano partecipato, da lontano corrono. Ci raggiungono. Stretto fra le mani, un po’ stropicciato, un tesoro prezioso e dal valore infinito: 20 euro raccolti direttamente da loro “perché anche altri giovani in giro per il mondo possano fare questa esperienza profonda, che cambia la vita”, dice uno di loro. Uno di quelli che all’inizio proprio non ne voleva sapere!

Insomma il Gen Verde ha davanti a sé orizzonti sempre nuovi. L’incontro con loro è una scintilla che accende, contagia, dilaga. La sala prova del Gen Verde si trova all’interno del Polo Lionello Bonfanti, che quindi in qualche modo vede nascere i vostri spettacoli. Che cosa lega il Gen Verde all’Economia di Comunione? Uno dei pilastri dell’Economia di Comunione è la formazione di uomini nuovi. Anche noi attraverso la nostra arte e il nostro lavoro contribuiamo all’educazione dei giovani alla cultura promossa dall’Economia di Comunione e che appartiene a noi e al nostro modo di essere impresa: la cultura del dare, che tende ad una società “senza nessun indigente”. Al Polo incontriamo tanti gruppi di giovani che visitano la struttura, a cui proponiamo i nostri laboratori artistici. La nostra presenza al Polo ci permette di condividere questo impegno con altri uomini e donne che con il loro lavoro e impegno sono testimoni di una economia di Comunione. Il Polo è come una “piazza”, di incontri, confronto e scambio. Fiducia e futuro. A proposito di futuro, il 29 e il 30 dicembre scorsi a Loppiano è arrivato in anteprima italiana il nuovo spettacolo, From the inside outside, che vi vedrà in giro per tutto il 2019. C’eravamo anche noi! Pop, rock, reggae, etno music, K-pop, musica latina accompagnano gli spettatori attraverso uno spettacolo bellissimo nelle molteplici realtà del nostro Pianeta: le miserie dei sotterranei di una metropoli latino-americana alla disperazione dei migranti che affrontano il Mediterraneo, dalla tensione delle strade di Belfast alle barricate salvadoregne, dal Walk of Fame di Hollywood al confine tra Nord e Sud Corea ed alla bellezza della foresta pluviale amazzonica. La musica come linguaggio universale per veicolare temi scomodi? Scomodi ma assolutamente urgenti e attuali. Le canzoni dell’album sono nate pensando ai nostri paesi. Noi siamo il frutto di tante culture diverse e abbiamo dato voce ai drammi e alle conquiste dei nostri popoli. Tutte le canzoni sono ispirate da storie vere ambientate in posti diversi, abbiamo deciso di caratterizzare ogni brano con le sonorità e i ritmi di queste culture. From the inside outside: partire da noi stessi per guardare fuori e portare la pace e la fraternità ovunque.

Dunque il bagaglio del Gen Verde è decisamente pronto, ricco di vita e di doni da portare e ricevere! Buon viaggio a loro e a tutti i giovani in partenza per Panama.

Per maggiori informazioni

 www.genverde.it/
Facebook www.facebook.com/Gen.Verde.8
 www.youtube.com/channel/UCuSTi05GBlACXtCu4zEY7FQ
 plus.google.com/+GenverdeItOfficial
Twitter @GenVerde_music

  • Scritto da Redazione
  • 1 Tags
  • 0 Commenti