Il Presidente di EdiC Spa presenta il progetto “La Casa dell’Educare”

Ottobre06

Il Presidente di EdiC Spa presenta il progetto “La Casa dell’Educare”

Eva, perché “Casa” dell’Educare?

Logo_casa_educare_ridPerché è proprio una  “Casa”, nel senso fisico di uno “spazio”, un laboratorio “nuovo” che si viene a creare al Polo; realizzato dall’Agenzia Formativa dell’E. di C. Spa insieme ad altri promotori, nasce allo scopo di realizzare formazione in campo educativo. In essa operano Associazioni ed esperti in questo ambito che offrono la propria competenza professionale partendo dal presupposto antropologico delle categorie della fraternità e della comunione, quale paradigma educativo che si vuole perseguire.

Quali obiettivi si pone?

Eva_GulloIl principale obiettivo è quello di provare a  dare una risposta concreta e innovativa all’emergenza educativa a cui assistiamo: la società oggi è estremamente complessa ed in conseguenza di questo le conoscenze vengono ad essere molto frammentate. I corsi della Casa dell’Educare invece si pongono l’obiettivo di proporre diverse competenze specifiche ma al tempo stesso fra loro sinergiche, che aiutino a sviluppare capacità relazionali (di connessione, di legame, di rete, di sinergia ) spendibili nei diversi ruoli e campi della formazione e dell’educazione.

A chi sono rivolti i corsi della “Casa dell’Educare”?

I destinatari possibili di questa proposta sono moltissimi: persone, gruppi e Istituzioni coinvolti a vario titolo nei campi della formazione e dell’educazione. Quindi educatori, insegnanti e gruppi scolastici, formatori,operatori socio-educativi, animatori, famiglie, imprenditori e dirigenti di attività economiche rivolte al sociale; Istituzioni scolastiche, Università, Associazioni, cooperative, centri sociali, centri di aggregazione e di animazione, ludoteche….

E come si struttureranno questi momenti formativi?

Tramite laboratori brevi e laboratori residenziali che costituiranno veri e propri “corsi di formazione” di diverso livello e di diversa durata e tramite seminari e convegni aperti a insegnanti ed educatori a livello locale e nazionale.

Oltre all’Agenzia Formativa del Polo Lionello Bonfanti sono direttamente coinvolte nel progetto le seguenti associazioni: la Isac Pro di Donato Salfi e Fiorella Monteduro, l’Associazione Parvus di Ezio Aceti e il Centro Internazionale Studenti Giorgio La Pira di Firenze.

Ci pare che la frase di E. De Bono che è stata scelta per aprire la Brochure descrittiva del progetto ne esprima bene la sostanza: “L’essenza di una rivoluzione positiva è credere che il dare un’idea, un contributo, un incoraggiamento, può prendere un po’ alla volta il sopravvento sulle forze negative“.

Tutti i dettagli sui singoli percorsi formativi, le date dei corsi e le modalità di iscrizione si possono trovare nelle schede allegate.

Print Friendly, PDF & Email
  • Scritto da Aurelia
  • 1 Tags
  • 0 Commenti

CATEGORIE Eventi