LoppianoLab 2012 – ASCA

Settembre20

LoppianoLab 2012 – ASCA

pubblicato www.asca.it

(ASCA) – Incisa Valdarno (Fi), 20 set – Offrire un modello concreto, un esempio, su come ”rifondare” l’economia.

E’ l’obiettivo di ‘LoppianoLab’, la terza expo dell’Economia di Comunione che si apre oggi (fino a domenica) a Incisa Valdarno nel polo ‘Lionello Bonfanti’ nato dalla cittadella internazionale del movimento fondato da Chiara Lubich.

A LoppianoLab sono presenti 100 aziende su 230 attivita’ produttive in Italia legate al progetto dell’Economia di Comunione. Nel mondo le aziende EdC sono 800.

”Quella che stiamo vivendo – rileva Paolo Loriga, del coordinamento di LoppianoLab – e’ una crisi cosi’ manifesta, profonda e strutturale di un modello di sviluppo che non basta qualche manovra grande o piccola, ma occorre rifondare l’economia a partire dalla cultura con una prospettiva di medio-lungo termine. E c’e’ bisogno di chi crede nel futuro, per questo parliamo di lavoro, giovani, innovazione”. Per Loriga bisogna anche rifondare l’idea stessa di fare impresa: ”La funzione dell’imprenditore non e’ far utili, ma innovare. Si e’ scambiato un risultato per il fine. Noi non vogliamo offrire una teoria, ma modelli ed esempi diversi dal rampantismo”.

Nella crisi, tra l’altro, il modello dell’Economia di Comunione si e’ rivelato piu’ solido di altri. ”Si e’ accentuata – spiega Loriga – l’importanza del fatto di stare in rete, non come ancoraggio mutualistico per non andare a fondo ma per scoprire insieme i sentieri da affrontare. E poi si e’ scoperto un patrimonio fondamentale, che nei momenti non di crisi resta di sottofondo, che e’ quello delle relazioni”.

LoppianoLab, che nelle due edizioni precedenti ha fatto registrare oltre 7 mila visitatori, e’ organizzato dal Centro internazionale di Loppiano, dal Polo Bonfanti, dall’Istituto universitario Sophia e dal gruppo editoriale Citta’ Nuova.

 

Print Friendly, PDF & Email
  • Scritto da Aurelia
  • 1 Tags
  • 0 Commenti