Nuove realtà nel Polo Lionello Bonfanti

Marzo09

Nuove realtà nel Polo Lionello Bonfanti

Da alcuni mesi il Polo Lionello Bonfanti ospita nuove realtà imprenditoriali, diverse tra loro, ma accomunate dalla medesima tensione di rinnovare la vita economica di valori ‘altri’ rispetto alla sola ricerca di massimizzazione del profitto.

Tra le prime ad installarsi c’è stato il Gen Verde, gruppo musicale internazionale, formato da 21 donne provenienti da 13 Paesi, che ha realizzato dalla sua nascita ad oggi più di 1400 spettacoli durante varie tournée in Europa, Asia, Sud e Nord America. Suo intento è far vivere, attraverso i linguaggi della musica e del teatro, l’esperienza della fraternità.

Una seconda azienda, che ha inaugurato le proprie attività il 10-11 gennaio 2014, è la SEC- Scuola di Economia Civile. Tale scuola è nata con lo scopo di formare gli operatori economici e diffondere nel mercato, nelle imprese, nelle organizzazioni una visione relazionale, centrata su principi quali la reciprocità, l’attenzione alla persona e l’impegno per il bene comune.

Altre imprese appena installate nel Polo lavorano per promuovere uno sviluppo economico ambientalmente sostenibile:

  • la Legno Service e Art Srl, che nasce e si sviluppa per offrire servizi e prodotti made-in-Italy ad elevatissima connotazione artigianale, caratterizzati dalla più alta qualità delle materie prime e delle lavorazioni, coniugata a costi competitivi;
  • la Tecnoambiente Srl, che si occupa di vendita di macchine ed impianti per il riciclaggio materiali provenienti da scavi e demolizioni; rifiuti solidi urbani e industriali non pericolosi, produzione di biomasse;
  • la BMP Cmpany Srl, nata con l’obiettivo di realizzare e ristrutturare  edifici attenti al benessere delle persone, come “via” per rispettare l’ambiente impiegando materiali eco-compatibili ed eco-sostenibili per limitare il più possibile il consumo di energie non rinnovabili.

Ultima novità è il progetto SOS Famiglia, dell’Associazione Salve! Health to Share ONLUS, che sarà un punto di ascolto per l’accoglienza del bisogno, permettendo  un orientamento verso associazioni del territorio idonee per la soluzione dei specifici problemi o verso una presa in carico a livello dei servizi territoriali. Occorrono tanti volontari interessati a prestare il proprio tempo, in funzione delle singole  disponibilità, per portare avanti il progetto.

Print Friendly, PDF & Email
  • Scritto da Aurelia
  • 1 Tags
  • 0 Commenti