Vai al contenuto
Il Polo Lionello

E. di C. SpA

Soggetto giuridico costituito nel 2001 al fine di sostenere la nascita del Polo Lionello Bonfanti, di amministrarne le attività e di sostenerne lo sviluppo.

La E. di C. S.p.A. si costituisce il 13 ottobre 2001 con sede in Loppiano, Figline e Incisa Valdarno (FI) con l’incarico di seguire la nascita e i primi passi del Polo Lionello Bonfanti, il primo polo imprenditoriale italiano di aziende aderenti al progetto Economia di Comunione. Una grande sfida quella accettata dai soci primi che hanno acquistato le azioni dell’E. di C. S.p.A. e hanno in tal modo realizzato una partecipazione diretta all’impresa. Una SPA che deve costituire “un’impresa dell’Economia di Comunione, operare dentro il mercato, vivere una sana cultura di impresa, produrre beni o servizi in modo efficiente ed economico, con responsabilità rispettando le regole della concorrenza” (Chiara Lubich dalla Lectio tenuta all’Università Cattolica di Piacenza del 29.01.1999 in occasione del conferimento della laurea honoris causa in Economia e Commercio).

Le adesioni sono state immediate e generose: operai, professionisti, imprenditori disposti a trasferirsi con la propria azienda, a mettere a disposizione in mille modi la propria professionalità. Diversi gli aumenti di capitale dal 2002 ad oggi: imprenditori e azionisti che vogliono sperimentare un nuovo modo di fare impresa, vivere un’economia che è comunione, condivisione piena. Il Polo Lionello Bonfanti è stato inaugurato nell’ottobre 2006 dove l’E.di C. S.p.A. ha trasferito la sua sede legale ed operativa. Circa 20 oggi le realtà aziendali ed associative insediate nel Polo, appartenenti ai diversi settori; tra queste il 24 ottobre 2009 è stato inaugurato il Poliambulatorio RISANA. Numerose le attività svolte all’interno del Polo e gestite dall’E. di C. (incontri di formazione, meeting, mostre, expò) e le azioni di promozione congiunta per rafforzare la vendita diretta di prodotti e servizi.

Gli ultimi rinnovi delle Cariche del Consiglio d’Amministrazione avvenuti nel 2009 e nel 2019 mettono nuove squadre a lavoro per un consolidamento dell’identità e della mission di questo centro imprenditoriale, unico nel suo genere, e per il raggiungimento diffuso del primo obiettivo della società: un’economia di comunione.

Fondamentale è stata l’assemblea straordinaria del 2017, in cui si è proposta ed approvata all’unanimità la trasformazione della forma giuridica in società benefit, come previsto dalla legge del 28 dicembre 2015, n. 208, articolo unico, commi 376-384 (Legge di Stabilità 2016). In tal modo l’ E. di C. S.P.A. è riconosciuta come società che persegue una o più finalità di beneficio comune e opera in modo responsabile, sostenibile e trasparente nei confronti di persone, comunità, territori e ambiente, beni ed attività culturali e sociali, enti e associazioni ed altri portatori di interesse.

Questa legge incarna lo spirito che anima l’E di C. S.P.A. ed il suo statuto.
I vantaggi che l’essere società benefit dona sono importanti, soprattutto nel caso dell’E. di C. S.P.A. emerge:

  • La sicurezza, da parte dei soci e di tutti gli interessati, che l’impresa continuerà a perseguire nel tempo le finalità di beneficio comune riportate nello statuto e a dar conto, in maniera trasparente, delle modalità adottate per perseguire quelle finalità;
  • La capacità di attrarre Investimenti a Impatto Sociale (Impact Investment Capital) e di accedere a capitale di investimento privato anche da parte di consumatori consapevoli;
  • La capacità di acquisire un vantaggio reputazionale come impresa che opera in maniera responsabile.

Le Società Benefit rappresentano una evoluzione del concetto stesso di azienda. Mentre le società tradizionali esistono con l’unico scopo di distribuire dividendi agli azionisti, le società benefit sono espressione di un paradigma più evoluto: integrano nel proprio oggetto sociale, oltre agli obiettivi di profitto, lo scopo di avere un impatto positivo sulla società e sulla biosfera.

E. di C. S.p.A. gestisce, progetta e promuove la crescita del Polo Lionello Bonfanti coerentemente con i principi del progetto Economia di Comunione.

Dopo una prima fase in cui ha seguito e coordinato i lavori di progettazione e realizzazione dell’edificio, attualmente gestisce l’immobile, coordina la promozione e lo sviluppo del polo e le iniziative che coinvolgono il polo e le aziende che ne fanno parte. Opera nel settore della formazione con corsi quale Governare i Carismi e Scuola di Economia Biblica, in collaborazione con la SEC, Scuola di Economia Civile e come Centro Convegni aperto a tutto il territorio nazionale e non solo.

La sua attività persegue i seguenti obiettivi:

  • promuovere azioni di insediamento al Polo di aziende virtuose e sostenibili che vi si insediano e danno viva testimonianza che l’EdC è un modello di economia possibile
  • essere ‘casa degli imprenditori’, polarizzare le aziende italiane, essere il faro dell’EdC in Italia
  • svolgere la funzione di incubatore di imprese ispirate all’Economia di Comunione
  • essere spazio di dialogo in particolare per l’economia civile italiana.

Governance attuale

È composto da 8 membri eletti dall’assemblea dei soci del 25/05/2019. Le funzioni e le caratteristiche del CdA sono definite dagli articoli 19-27 dello Statuto societario.

  • Koenraad Vanreusel – Presidente
  • Rebeca Gómez Tafalla – Amministratore Delegato
  • Sandra Maria Della Bella – Consigliere e Responsabile di impatto di E. di C. Spa società benefit
  • Annunziata D’Oronzo  – Consigliere
  • Carlo Pigino  – Consigliere
  • Fabio Vitale – Consigliere
  • Mauro Ventura – Consigliere
  • Maria Gaglione – Consigliere